Quali sono i sintomi della carenza di vitamina D?

Carenza-vitamina-d-sintomi

Dato che la vitamina D svolge un ruolo chiave per l’immunità, la salute delle ossa e l’assimilazione del calcio, chiunque potrebbe pensare che una carenza di questo nutriente si manifesti in modo allarmante. Tuttavia i sintomi di una carenza di vitamina D possono essere minimi o addirittura passare inosservati.

Quando la carenza di vitamina D è grave e dura nel tempo, compaiono malattie come l’osteomalacia e l’osteoporosi, ma può anche promuovere la resistenza all’insulina o aumentare il rischio di sviluppare la sclerosi multipla. Leggi attentamente il nostro articolo per imparare come identificare i sintomi della carenza di vitamina D.

Aspetti chiave 

  • I sintomi di una carenza di vitamina D possono essere correlati al deterioramento della struttura delle ossa, ma possono anche essere aspecifici, ad esempio infezioni ricorrenti, formicolio e depressione.
  • Poiché la carenza di vitamina D può passare inosservata, i gruppi a rischio (anziani, donne in postmenopausa, persone con insufficienza renale) dovrebbero controllare regolarmente il loro livello nel sangue.
  • Per trattare efficacemente la carenza di vitamina D e i suoi sintomi, è consigliabile assumere integratori liposomiali, che garantiscono un’elevata assimilazione.

Tutto quello che devi sapere per identificare i sintomi di una carenza di vitamina D

La carenza di vitamina D (o calciferolo) è collegata a osteoporosi, diabete, sclerosi multipla, malattie infiammatorie intestinali e persino a un aumento del rischio di sviluppare il cancro. Conoscere i sintomi di una carenza di vitamina D aiuta a rilevare rapidamente questa carenza nutrizionale ed essere in grado di correggerla prima che causi gravi problemi di salute.

Carenza-vitamina-d-sintomi
Il modo migliore per evitare la carenza di vitamina D è esporsi al sole in modo controllato. (Fonte: Macniak: 45433730/ 123rf.com)

Il modo migliore per evitare la carenza di vitamina D è esporsi al sole in modo controllato

Sì, una carenza di vitamina D può essere asintomatica, soprattutto nelle prime fasi. Sfortunatamente, molte volte i sintomi non compaiono fino a quando la carenza non causa una grave malattia. Per questo motivo, le persone che appartengono ai seguenti gruppi a rischio dovrebbero monitorare periodicamente i propri livelli di vitamina D (1, 2)

  • Anziani (anche se non vivono in case di cura o sono ricoverati in ospedale).
  • Donne in postmenopausa.
  • Soggetti affetti da insufficienza renale cronica, insufficienza epatica, obesità, diabete, sclerosi multipla, fibrosi cistica, celiachia, tra gli altri.
  • Persone che hanno subito un intervento chirurgico bariatrico.
  • Donne in gravidanza.
  • Soggetti in trattamento con antiepilettici, glucocorticoidi o antiretrovirali (ad esempio, per trattare l’infezione da HIV o da virus dell’immunodeficienza umana).
  • Persone che non si espongono regolarmente al sole o che vivono in zone a latitudini estreme.

È auspicabile che il livello di vitamina D nel sangue, espresso come nanogrammi (ng) di 25(OH)D per millilitro (ml), sia compreso tra 30 e 90 ng/ml. Al di sotto di 30 ng/ml, c’è una carenza di vitamina D, che può o meno essere accompagnata da sintomi. Si stima che tra il 50% e l’80% della popolazione mondiale soffra di un basso livello di vitamina D (1, 2, 3).

Livello di 25(OH)D (25-idrossi vitamina D) nel sangueInterpretazione del risultatoInterpretazione del risultatoPresenza o assenza di sintomi da carenza di vitamina DPercentuale della popolazione mondiale il cui valore di vitamina D rientra in questo intervallo
Tra 29 e 20 ng/ml di 25(OH)D nel sangueCarenza di vitamina D.Generalmente non ci sono sintomi o anomalie.44%.
Tra 19 e 10 ng/ml di 25(OH)D nel sangueDeficienza di vitamina D.Iniziano a manifestarsi anomalie, ad esempio deterioramento osseo. È possibile che la persona non percepisca i sintomi o che questi non siano specifici: depressione, formicolio, crampi.30%.
Meno di 10 ng/ml di 25(OH)D nel sangue.Deficienza severa di vitamina D.Le anomalie e i sintomi sono evidenti.7%.

La carenza di vitamina D causa dolore alle ossa?

Per via della relazione causale tra la mancanza di vitamina D e l’osteoporosi, l’osteomalacia e il rachitismo, una carenza di calciferolo può causare dolore alle ossa, poiché le malattie sopra menzionate influenzano la salute delle ossa. Tuttavia, il dolore è un sintomo della malattia causata dalla scarsità di vitamina D e non viene percepito se la carenza è lieve (4).

Fratture, demineralizzazione e deformità ossea si verificano quando la vitamina D è rimasta bassa per un tempo considerevole e si è verificata una malattia da carenza. Gli adulti possono sviluppare osteomalacia o osteoporosi, mentre i bambini soffrono di rachitismo, che si evidenzia con le ginocchia “a parentesi” e il torace “a petto di piccione”(4).

Carenza-vitamina-d-sintomi
Verifica con il tuo medico o nutrizionista se un integratore è l’opzione giusta per te. (Fonte: Kachmar: 116650074/ 123rf.com)

Quali sono i sintomi aspecifici di una carenza di vitamina D?

Quando c’è una carenza di vitamina D, l’assorbimento del calcio è ridotto e si verifica l’ipocalcemia, cioè i livelli di calcio sono al di sotto del normale. L’ipocalcemia produce sintomi che possono allertare la persona e sollecitare la sua visita dal medico. Oltre a colpire le ossa, l’ipocalcemia si manifesta come (5):

  • Formicolio (mani, piedi, lingua).
  • Spasmi muscolari, dolori e crampi.
  • Convulsioni
  • Segno di Chvostek (contrazione e “sobbalzo” dei muscoli facciali).

La carenza di vitamina D può causare sbalzi d’umore e depressione. La bassa vitamina D nelle donne in gravidanza è anche un fattore di rischio per la depressione postpartum. Una carenza di calciferolo durante la gravidanza è anche associata alla pre-eclampsia, una grave complicanza che causa edema e ipertensione, tra gli altri sintomi (1, 6, 7).

Poiché il calciferolo gioca un ruolo fondamentale nell’immunità, anche le infezioni ricorrenti sono un sintomo di una carenza di vitamina D. Inoltre, la presenza di insulino-resistenza e colesterolo alto possono sempre essere correlati a bassi livelli di vitamina D (8).

Cosa fare se sospetto di avere un sintomo di carenza di vitamina D?

In caso di sospetta carenza di vitamina D, è fondamentale consultare un medico il prima possibile per richiedere un esame del sangue di 25(OH)D e qualsiasi altro esame che ritenga opportuno. Sebbene la tossicità della vitamina D sia rara, non è consigliabile assumere integratori senza conoscere lo stato di questo nutriente nel corpo (9).

D’altra parte, la mancanza di vitamina D provoca ipocalcemia e iperparatiroidismo, condizioni che provocano la demineralizzazione delle ossa, aumentandone la fragilità e il rischio di frattura. Pertanto, è probabile che il medico affronti anche queste complicazioni (4, 9).

Carenza-vitamina-d-sintomi
Le migliori fonti di vitamina D negli alimenti sono il pesce grasso (aringhe, sardine, salmone), fegato, tuorlo d’uovo e alcuni tipi di funghi. (Fonte: Danileiko: 56414016/ 123rf.com)

Come si alleviano i sintomi di una carenza di vitamina D?

Quando viene rilevata una carenza di vitamina D, vengono prima esplorate le cause e, successivamente, viene stabilito un trattamento che consiste in una integrazione, una prudente esposizione al sole e il rafforzamento del consumo di alimenti ricchi di vitamina D. Prendere il sole 20-30 minuti, un paio di volte a settimana, è sufficiente per stimolare la sintesi della vitamina D nella pelle (4).

Per quanto riguarda gli alimenti con vitamina D, le migliori fonti sono il pesce grasso (aringhe, sardine, salmone), fegato, tuorlo d’uovo e alcuni tipi di funghi. Anche l’olio di fegato di merluzzo e i prodotti alimentari fortificati (latte, succhi, tofu) aiutano a migliorare l’assunzione di vitamina D (3, 4).

Per l’integrazione di vitamina D sono indicate dosi elevate nella fase iniziale, ad esempio tra 2000 e 5000 UI (Unità Internazionali) al giorno, mentre nella fase di mantenimento sono consigliate tra 800 e 2000 UI. Le unità internazionali esprimono la quantità di vitamina D (1, 9).

Carenza-vitamina-d-sintomi
La mancanza di vitamina D può causare sbalzi d’umore e depressione. (Fonte: Ocusfocus: 89954063/ 123rf.com)

Gli integratori di vitamina D3 sono migliori della vitamina D2 per correggere la carenza?

Sia la vitamina D3 (colecalciferolo) che la D2 (ergocalciferolo) sono forme attive e la loro attività biologica è simile. La differenza è che la vitamina D3 ha una media di vita più lunga della D2 e, per questo motivo, la forma D3 è più conveniente quando gli integratori indicati non sono per un consumo quotidiano, ma vengono somministrati ogni 7, 15 o 30 giorni (1).

Un aspetto che vale la pena considerare quando si acquista un integratore di vitamina D è che la sua formulazione sia liposomiale. I liposomi sono minuscole sfere che contengono vitamina D al loro interno e ne favoriscono l’assimilazione. La nostra vitamina D3 liquida, oltre ad essere liposomiale, non contiene né zucchero né glutine.

Quanto tempo ci vuole per correggere una carenza di vitamina D?

La risposta di ogni paziente al trattamento è diversa, ma la maggior parte è in grado di normalizzare i valori di vitamina D nel sangue (più di 30 ng/ml) dopo due o tre mesi. Nella fase di mantenimento, il livello ematico di 25(OH)D deve essere valutato ogni tre mesi (1, 9).

Le nostre conclusioni 

I sintomi di una carenza di vitamina D non sono facili da identificare e potrebbero non comparire nemmeno fino a quando la carenza è molto grave. Inoltre, la carenza di calciferolo può manifestarsi con sintomi depressivi, dolore muscolare o infezioni frequenti, che possono anche essere dovute ad altre cause.

La vitamina D è uno dei micronutrienti più importanti per la salute e si stima che più della metà della popolazione mondiale soffra di ipovitaminosi D. Conoscere i sintomi di una carenza di vitamina D è la chiave per rilevare il problema e iniziare il trattamento per integrazione.

Conoscevi questi sintomi da carenza di vitamina D? Se il nostro articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo o di lasciarci un commento. A presto!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Natalimis: 131619143/ 123rf.com)

Riferimenti (9)

1. Sánchez A et al. Diagnóstico, prevención y tratamiento de la hipovitaminosis D. 2013.
Source

2. de Oliveira V et al. Influencia de la vitamina D en la salud humana. 2014
Source

3. Navarro Valverde C, Quesada Gómez J. Deficiencia de vitamina D en España. ¿Realidad o mito? 2014.
Source

4. Gallagher M. Los nutrientes y su metabolismo. En: Mahan L, Escott-Stump S. Krause. Dietoterapia (Edición 12). 2008. Elsevier Masson.

5. Moya M, Picado Sánchez E. Generalidades sobre hipocalcemia. 2014.
Source

6. Shaffer J et al. Vitamin D Supplementation for Depressive Symptoms: A Systematic Review and Meta-analysis of Randomized Controlled Trials. 2015.
Source

7. Robinson M et al. Low maternal serum vitamin D during pregnancy and the risk for postpartum depression symptoms. 2014.
Source

8. Costanzo P, Salerni H. Hypovitaminosis D: afectaciones no clásicas. 2009.
Source

9. Joshi D, Center J, Eisman J. Vitamin D deficiency in adults. 2010.
Source

Articolo scientifico
Sánchez A et al. Diagnóstico, prevención y tratamiento de la hipovitaminosis D. 2013.
Go to source
Articolo scientifico
de Oliveira V et al. Influencia de la vitamina D en la salud humana. 2014
Go to source
Articolo scientifico
Navarro Valverde C, Quesada Gómez J. Deficiencia de vitamina D en España. ¿Realidad o mito? 2014.
Go to source
Libro
Gallagher M. Los nutrientes y su metabolismo. En: Mahan L, Escott-Stump S. Krause. Dietoterapia (Edición 12). 2008. Elsevier Masson.
Articolo scientifico
Moya M, Picado Sánchez E. Generalidades sobre hipocalcemia. 2014.
Go to source
Meta analisi e revisione sistematica
Shaffer J et al. Vitamin D Supplementation for Depressive Symptoms: A Systematic Review and Meta-analysis of Randomized Controlled Trials. 2015.
Go to source
Articolo scientifico
Robinson M et al. Low maternal serum vitamin D during pregnancy and the risk for postpartum depression symptoms. 2014.
Go to source
Articolo scientifico
Costanzo P, Salerni H. Hypovitaminosis D: afectaciones no clásicas. 2009.
Go to source
Articolo scientifico
Joshi D, Center J, Eisman J. Vitamin D deficiency in adults. 2010.
Go to source
Questo elemento è stato inserito in Blog e taggato .