Quali sono le cause della stitichezza?

stitichezza cause

Sicuramente non ti immaginavi che alcuni dei farmaci comunemente utilizzati, come gli antidepressivi, potessero essere una delle cause che provocano la stitichezza, vero (1)? Ebbene sì, ma non solo, anche azioni comuni, come ignorare “la voglia di andare in bagno”, possono portare alla stitichezza, poiché il corpo diventa meno sensibile a questi “segnali” naturali.

Esistono innumerevoli cause che portano alla stitichezza, e la maggior parte sono legate alle nostre abitudini di vita, non sempre salutari come dovrebbero essere. Una soluzione è cambiare la nostra alimentazione, ma se lo ritieni poco fattibile puoi rivolgerti anche ai probiotici. Sai cosa sono? Ne parleremo in questo articolo! Vuoi sapere perché soffri di stitichezza? Unisciti a noi e lo scoprirai!

Aspetti chiave

  • La stitichezza non è di per sé una malattia, ma è un sintomo molto fastidioso le cui cause possono nascondere le cattive abitudini alimentari, la mancanza di esercizio o una condizione più grave.
  • Sfortunatamente, l’assunzione di medicinali, bere poca acqua o il non esercizio regolare aumentano i fattori di rischio per la stitichezza e, con essa, i problemi di stomaco.
  • Se soffri di stitichezza, puoi cercare di porvi rimedio con i probiotici liposomiali, che ne permettono l’assunzione con un dosaggio sicuro.

Tutto quello che devi sapere sulle cause della stitichezza

La stitichezza è una malattia? Cosa ci dice la sua frequente ricomparsa? In questa sezione affronteremo queste e altre domande, come i possibili fattori di rischio. Fai attenzione!

stitichezza cause
La stitichezza non è di per sé una malattia, ma è un sintomo molto fastidioso le cui cause possono nascondersi da cattive abitudini alimentari, mancanza di esercizio o una condizione più grave. (Fonte: Davydov: 118054051/ 123rf.com)

Cos’è la stitichezza e quali sono le sue cause?

Con stitichezza si definisce la condizione per cui una persona ha meno di tre movimenti intestinali a settimana. Le feci sono difficili da espellere e sono spesso dure e secche. La chiamiamo stitichezza se (2, 3, 4):

  • Evacuazioni settimanali. Se non hai avuto movimenti intestinali almeno tre volte nell’ultima settimana, potresti diventare stitico.
  • Tipo di feci. Le feci sono grandi e asciutte, oltre che dure e compatte.
  • Dolore o difficoltà. Ti sforzi o provi dolore quando hai un movimento intestinale.

Ci sono molte ragioni per cui potremmo soffrire di stitichezza cronica. Ne raccogliamo alcune di seguito:

Cambiamenti nella routine quotidiana

I normali movimenti intestinali dipendono dalla contrazione regolare e ritmica dell’intestino. Pertanto dipendono dall'”orologio” interno del corpo, che è spesso alterato con i cambiamenti nella routine.

Alimentazione povera di fibre

Poiché la fibra è indigesta, aggiunge volume alle feci, facilitando la spinta attraverso il tratto digestivo. Esistono due tipi di fibra:

  • Fibra solubile: ad esempio, legumi, frutta e verdura, che aiutano ad ammorbidire le feci.
  • Fibra insolubile: buone fonti di fibra insolubile sono la crusca di frumento, il pane integrale e i cereali.
stitichezza cause
Secondo la Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU), 25 grammi di fibre al giorno supportano la regolarizzazione dei movimenti intestinali. (Fonte: Hofacker: 40034198/ 123rf.com)

Acqua insufficiente

La fibra nelle feci si gonfia solo con acqua. La stitichezza può verificarsi anche da una alimentazione ricca di fibre se non si consuma acqua a sufficienza.

Mancanza di esercizio

Condurre uno stile di vita sedentario o avere limitazioni di movimento dovute alla disabilità sono cause comuni di stitichezza.

Ignorare “la voglia” di andare al bagno

Rimandare o ignorare l’impulso di andare al bagno significa che più acqua verrà prelevata dalle feci perché trascorre più tempo nel colon. Pertanto, la loro evacuazione sarà difficile.

Farmaci

Alcuni farmaci, come i narcotici (in particolare la codeina), gli antidepressivi, gli antipertensivi e gli antiacidi, rallentano i movimenti intestinali.

stitichezza cause
Durante la gravidanza, l’azione degli ormoni e la pressione dell’utero in crescita contro l’intestino possono causare stitichezza se non viene fatta attenzione. (Fonte: Ungur: 38216413/ 123rf.com)

Gravidanza

Durante la gravidanza, l’azione degli ormoni e la pressione dell’utero in crescita contro l’intestino possono causare stitichezza se non viene fatta attenzione.

Età avanzata

La stitichezza è più comune negli anziani. Ciò è dovuto a diversi fattori, come la riduzione delle contrazioni muscolari intestinali e la dipendenza dai farmaci standard.

Malattie

Il ricovero in ospedale e il riposo a letto generalmente provocano stitichezza. Spesso è richiesto un trattamento a breve termine con lassativi, ma che solitamente viene trascurato.

E se le cause della stitichezza fossero problemi medici?

La stitichezza a volte rivela problemi medici più gravi del solito. Ve ne mostriamo alcuni nella tabella seguente insieme ai segnali che possono indurre dei sospetti nel vostro medico di famiglia (4, 5).

Problemi mediciSintomi
Transito lentoAlcune persone vanno naturalmente in bagno meno spesso della maggior parte della popolazione. Queste persone hanno maggiori probabilità di soffrire di stitichezza con piccoli cambiamenti nella loro routine.
Ragadi analiUna lacerazione nel rivestimento dell’ano (mucosa anale). La persona può resistere ad andare in bagno per paura del dolore.
OstruzioniIl retto o l’ano possono essere parzialmente ostruiti, ad esempio, da emorroidi o da un prolasso rettale.
ErniaUn’ernia addominale può influenzare il passaggio di gas e feci nell’intestino.
Chirurgia addominale o ginecologicaI cambiamenti nella routine, il dolore postoperatorio e gli analgesici contenenti codeina sono una forte causa di stitichezza.
Sindrome dell’intestino irritabileCaratterizzato da dolore addominale e gonfiore e costipazione o diarrea. O stitichezza e diarrea alternate.
Problemi del sistema endocrinoCome l’ipotiroidismo o il diabete.
TumoreIl dolore durante il tentativo di defecare potrebbe essere un sintomo di cancro del retto.
Malattie del sistema nervoso centraleLa sclerosi multipla, il morbo di Parkinson o l’ictus sono associati a una maggiore suscettibilità alla stitichezza.

Quali sono i fattori che causano la stitichezza?

Ci sono una serie di fattori, alcuni dei quali ambientali, che sono stati correlati al rischio di soffrire di stitichezza cronica. Li conosci? In caso contrario, te li mostreremo nel seguente elenco (2, 7, 8).

  • Essere donna
  • Bere meno di quattro bicchieri d’acqua al giorno
  • Età avanzata
  • Alimentazione povera di fibre
  • Mangiare velocemente e frequentemente fuori casa
  • Poca o nessuna attività fisica
  • Uso di farmaci (sonniferi, antidolorifici, antipertensivi e alcuni antidepressivi)
  • Depressione o disturbi alimentari

Qual è la dose giornaliera raccomandata di fibre per evitare la stitichezza?

La fibra è un nutriente di base essenziale per regolare il transito intestinale e mantenere l’ecosistema della flora batterica. Puoi vedere le RDA giornaliere raccomandate nella tabella seguente (8, 9):

Età e condizioneDonneUomini
0-1 anniNon determinatoNon determinato
1-3 anni19 grammi/giorno19 grammi/giorno
4-8 anni25 grammi/giorno25 grammi/giorno
9-13 anni26 grammi/giorno31 grammi/giorno
14-18 anni36 grammi/giorno38 grammi/giorno
19-30 anni25 grammi/giorno38 grammi/giorno
31-50 anni25 grammi/giorno38 grammi/giorno
51-70 anni21 grammi/giorno30 grammi/giorno
+ 70 anni21 grammi/giorno30 grammi/giorno
Gravidanza28 grammi/giorno
Allattamento29 grammi/giorno

Combattere le cause della stitichezza

La stitichezza è un sintomo, non una malattia, e per prevenirla ci sono misure che saranno utili. Modificare le tue abitudini quotidiane o una buona alimentazione sono alcune, ma se il tuo programma quotidiano non lo consente, puoi ricorrere ai probiotici.

Una buona alimentazione

Per prevenire la stitichezza è importante non reprimere “l’impulso”, ma anche non preoccuparti se non vai in bagno tutti i giorni. Inoltre, è necessario seguire una serie di regole alimentari per modificare le abitudini dannose. Le riassumiamo nel seguente elenco (7, 8, 9, 10):

  • Colazione completa. Questo include fibre, proteine ​​(che incorporano probiotici, come lo yogurt) e molti liquidi.
  • Pranzo. Insalate o piatti con legumi e carne o pesce come secondo piatto.
  • Cena presto. Prima delle otto di sera.
  • Apporto giornaliero di fibre. Includere cibi ricchi di fibre in snack e merende, come legumi, frutta e verdura. Se non sei in sovrappeso o hai il diabete, puoi prendere uva o prugne.
  • Riduci i grassi insalubri. Cioè, quelli dei prodotti da forno industriali, gli olii cotti o la margarina.
  • Aumenta l’assunzione di liquidi. In questo modo, dovresti bere tra un litro e mezzo e due litri e mezzo al giorno, a seconda del tuo peso e della tua altezza.
  • Carne e pesce alla griglia. O, al massimo, bollita. Ricorda, inoltre, che dovresti mangiare pesce azzurro almeno due volte a settimana.
  • Assumi probiotici. I probiotici, come i bifidobatteri, facilitano il transito intestinale, da qui la loro importanza.
  • Smetti di fumare ed evita l’alcol. Non fumare aiuta a limitare la stitichezza. L’alcol, al massimo, può essere limitato a un bicchiere di vino da 150 ml a pranzo o a cena.
  • Aumenta l’esercizio fisico. È importante fare esercizio moderatamente durante la giornata. Ad esempio, gli esercizi di tipo “Pilates” sono molto utili.
stitichezza cause
Ricorda di seguire un’alimentazione equilibrata. (Fonte: Veselova: 94521835/ 123rf.com)

Probiotici liposomiali

I probiotici sono microrganismi viventi che forniscono una serie di benefici alla flora intestinale e possono esserti di aiuto nel risolvere i problemi di stitichezza. Tra le tante forme di presentazione in commercio, i probiotici liposomiali sono un’ottima alternativa. Conosci i liposomi? Sai cosa sono? Mettiti comodo, ora te lo spieghiamo (11, 12, 13, 14)!

Cosa sono i liposomi?

Sono una sorta di “bolle lipidiche” molto simili alle nostre cellule che facilitano l’incapsulamento dei nutrienti e ne migliorano la biodisponibilità.

Cos’è la biodisponibilità?

È la percentuale di nutrienti che raggiunge il tuo corpo, che è molto più alta nel caso delle formulazioni liposomiali. Cioè, il tuo flusso sanguigno riceverà più probiotici e in meno tempo. Non c’è niente di meglio!

Perché i probiotici liposomiali sono migliori?

Perché “viaggiano” attraverso il tuo corpo incapsulati in liposomi, una formula nanotecnologica all’avanguardia per sfruttare tutti i benefici dei nutrienti di cui hai bisogno, in questo caso i probiotici. Inoltre, risulteranno molto più economici dei probiotici convenzionali.

stitichezza cause
I probiotici come i bifidobatteri facilitano il transito intestinale, da qui la loro importanza. (Fonte: Bajramovic: 81263918/ 123rf.com)

È vero che i probiotici liposomiali sono più economici?

Ebbene sì! Potresti non vederlo nel prezzo finale, ma te ne accorgerai nel rapporto qualità-prezzo degli integratori liposomiali di Sundt Nutrition. I liposomi, avendo una maggiore biodisponibilità, depositano più nutrienti nel tuo corpo utilizzando meno prodotto, da qui la maggiore convenienza.

Le nostre conclusioni

La stitichezza non è una malattia e le sue cause possono essere svariete. In ogni caso è davvero fastidiosa e tutti coloro che ne soffrono vogliono risolverla il più rapidamente possibile. Cambiare le abitudini alimentari è una soluzione, anche se ci vuole tempo per pianificare un’alimentazione efficace.

Se la tua frenetica vita quotidiana ti impedisce di seguire un’alimentazione sana, perché non provare i probiotici liposomiali di Sundt Nutrition? Inoltre, la ricerca scientifica supporta la formulazione liposomiale, molto più efficace dell’integrazione convenzionale. Il tuo intestino ti ringrazierà!

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo con amici e familiari. Se preferisci lasciarci un commento o farci domande, scrivici, saremo felici di risponderti. A presto!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Grinvalds: 93327251/ 123rf.com)

Riferimenti (14)

1. Constipation. Mayo Clinic. Disponible online
Source

2. Gastrointestinal tract and your health. LibreTexts; Medicine. Disponible online
Source

3. constipation. National Health Service – NHS. United Kingdom
Source

4. Constipation. Department of Health and Human Services, Government of the State of Victoria, Australia. Disponible online
Source

5. American Gastroenterological Association Technical Review on Constipation. ADIL E. BHARUCHA, JOHN H. PEMBERTON, G. RICHARD LOCKE, III Gastroenterology. Author’s manuscript; available in PMC 2014 January 1st. Published in final edited form as: Gastroenterology. 2013 Jan; 144 (1): 218–238. doi: 10.1053 / j.gastro.2012.10.028 PMCID: PMC3531555. Disponible online
Source

6. Some risk factors for chronic functional constipation identified in a Romanian pediatric population sample. Claudia Olaru, Smaranda Diaconescu, Laura Trandafir, Nicoleta Gimiga, Gabriela Stefanescu, Gabriela Ciubotariu y Marin Burlea. doi: 10.1155 / 2016/3989721. Disponible online
Source

7. Estreñimiento. Asociación Española de Gastroenterología. Fermín Mearin, Agustín Balboa, Miguel A. Montoro. Instituto de Trastornos Funcionales y Motores Digestivos, Servicio de Aparato Digestivo. Centro Médico Teknon. Barcelona. Unidad de Gastroenterología del Hospital de San Jorge. Huesca. Disponible online
Source

8. Guía para prevenir y tratar el estreñimiento. Fundación Española del Aparato Digestivo (FEAD). Dra. Amparo Escudero Sanchís, Dr. Miguel Bixquert Jiménez. Servicio de Digestivo del Hospital Arnau de Vilanova de Valencia. Área docente de Digestivo de la Facultad de Medicina de la Universidad de Valencia
Source

9. La fibra en la alimentación. Ámbito hospitalario. Pilar García Peris. Unidad de Nutrición Clínica y Dietética Hospital General Univesitario Gregorio Marañón. Madrid. Publicación acreditada por la Sociedad Española de Nutrición Clínica y Metabolismo (SENPE). Disponible online
Source

10. Burgos Pelaéz R. Estreñimiento [Internet]. Saludigestivo. Disponible online
Source

11. Mechanisms of action of probiotics and the gastrointestinal microbiota on intestinal motility and constipation. Eirini Dimidi, Stephanos Christodoulides, S Mark Scott, Kevin Whelan Adv Nutr. 2017 May; 8 (3): 484–494. Published online May 5, 2017 doi: 10.3945 / an.116.014407 PMCID: PMC5421123. Disponible online
Source

12. Encapsulation of probiotics: insights in academic and industrial approaches Fernanda B Haffner, Roudayna Diab * and Andreea Pasc SRSMC UMR 7565, Université de Lorraine, CNRS, Bd des Aiguillettes – BP 70239 F -54506 Vandœuvre- lès – Nancy, France. Disponible online
Source

13. Structural stability and viability of microencapsulated probiotic bacteria: a review. Rocío I. Corona – Hernández Emilio Álvarez – Jaime Lizardi Grill – Mendoza Alma R. Islas – Rubio Laura. A. de la Rosa Abraham Wall – Medrano. doi.org/10.1111/1541-4337.12030. Disponible online
Source

14. Liposomal-encapsulated Ascorbic Acid: Influence on Vitamin C Bioavailability and Capacity to Protect Against Ischemia–Reperfusion Injury. Janelle L. Davis, Hunter L. Paris, Joseph W. Beals, Scott E. Binns, Gregory R. Giordano, Rebecca L. Scalzo, Melani M. Schweder, Emek Blair and Christopher Bell. Journal ListNutr Metab Insightsv.9; 2016PMC4915787. Disponible online
Source

Sito ufficiale
Constipation. Mayo Clinic. Disponible online
Go to source
Libro online
Gastrointestinal tract and your health. LibreTexts; Medicine. Disponible online
Go to source
Sito ufficiale
constipation. National Health Service – NHS. United Kingdom
Go to source
Sito ufficiale
Constipation. Department of Health and Human Services, Government of the State of Victoria, Australia. Disponible online
Go to source
Articolo scientifico
American Gastroenterological Association Technical Review on Constipation. ADIL E. BHARUCHA, JOHN H. PEMBERTON, G. RICHARD LOCKE, III Gastroenterology. Author’s manuscript; available in PMC 2014 January 1st. Published in final edited form as: Gastroenterology. 2013 Jan; 144 (1): 218–238. doi: 10.1053 / j.gastro.2012.10.028 PMCID: PMC3531555. Disponible online
Go to source
Articolo scientifico
Some risk factors for chronic functional constipation identified in a Romanian pediatric population sample. Claudia Olaru, Smaranda Diaconescu, Laura Trandafir, Nicoleta Gimiga, Gabriela Stefanescu, Gabriela Ciubotariu y Marin Burlea. doi: 10.1155 / 2016/3989721. Disponible online
Go to source
Guida ufficiale
Estreñimiento. Asociación Española de Gastroenterología. Fermín Mearin, Agustín Balboa, Miguel A. Montoro. Instituto de Trastornos Funcionales y Motores Digestivos, Servicio de Aparato Digestivo. Centro Médico Teknon. Barcelona. Unidad de Gastroenterología del Hospital de San Jorge. Huesca. Disponible online
Go to source
Guída ufficiale
Guía para prevenir y tratar el estreñimiento. Fundación Española del Aparato Digestivo (FEAD). Dra. Amparo Escudero Sanchís, Dr. Miguel Bixquert Jiménez. Servicio de Digestivo del Hospital Arnau de Vilanova de Valencia. Área docente de Digestivo de la Facultad de Medicina de la Universidad de Valencia
Go to source
Articolo scientifico
La fibra en la alimentación. Ámbito hospitalario. Pilar García Peris. Unidad de Nutrición Clínica y Dietética Hospital General Univesitario Gregorio Marañón. Madrid. Publicación acreditada por la Sociedad Española de Nutrición Clínica y Metabolismo (SENPE). Disponible online
Go to source
Sito ufficiale
Burgos Pelaéz R. Estreñimiento [Internet]. Saludigestivo. Disponible online
Go to source
Articolo scientifico
Mechanisms of action of probiotics and the gastrointestinal microbiota on intestinal motility and constipation. Eirini Dimidi, Stephanos Christodoulides, S Mark Scott, Kevin Whelan Adv Nutr. 2017 May; 8 (3): 484–494. Published online May 5, 2017 doi: 10.3945 / an.116.014407 PMCID: PMC5421123. Disponible online
Go to source
Articolo scientifico
Encapsulation of probiotics: insights in academic and industrial approaches Fernanda B Haffner, Roudayna Diab * and Andreea Pasc SRSMC UMR 7565, Université de Lorraine, CNRS, Bd des Aiguillettes – BP 70239 F -54506 Vandœuvre- lès – Nancy, France. Disponible online
Go to source
Articolo scientifico
Structural stability and viability of microencapsulated probiotic bacteria: a review. Rocío I. Corona – Hernández Emilio Álvarez – Jaime Lizardi Grill – Mendoza Alma R. Islas – Rubio Laura. A. de la Rosa Abraham Wall – Medrano. doi.org/10.1111/1541-4337.12030. Disponible online
Go to source
Articolo scientifico
Liposomal-encapsulated Ascorbic Acid: Influence on Vitamin C Bioavailability and Capacity to Protect Against Ischemia–Reperfusion Injury. Janelle L. Davis, Hunter L. Paris, Joseph W. Beals, Scott E. Binns, Gregory R. Giordano, Rebecca L. Scalzo, Melani M. Schweder, Emek Blair and Christopher Bell. Journal ListNutr Metab Insightsv.9; 2016PMC4915787. Disponible online
Go to source
Questo elemento è stato inserito in Blog e taggato .